mercoledì 25 dicembre 2013

E allora tu.


E allora tu, anche se ti ho già mostrato questi suoni, farai finta di noi. E allora tu, che li hai forse già ascoltati in fretta, ti fermerai a leggerne anche le parole. E allora tu, perché nessun altro sa queste cose di me, queste cose che nemmeno chiamo per nome, tu resterai un momento e proverai a capire quello che di buono si nasconde nelle faccende difficili. Ho dormito poco ma ho dormito, poiché dall'altra parte del cuscino dormivi tu.