mercoledì 27 agosto 2014

Soltanto per sempre


Il dubbio, la necessità, le distanze, il caso, le mancanze, gli errori, le fughe, i viaggi, la paura, le notti, il respiro pesante, gli occhi spalancati, i soffitti silenziosi, le braccia conserte, l'equilibrio, le parole difficili, le scemenze dei finti maturi, le chiacchiere inutili al bar, l'estate e i superalcolici, gli zuccheri in eccesso, i capelli che non ci hai messo dentro abbastanza le mani, le mani che non hanno mai stretto davvero le tue. Il bisogno crudo di essere indispensabili, quello cattivo di avvicinarsi a un solo centimetro dalla bocca di qualcuno e sentirne vibrare il corpo fino alla resa. La felicità, che nemmeno so bene che cazzo significa.