domenica 31 luglio 2011

Di necessità tribù.



La necessità soverchia ogni buona ragione e la mente subisce l’influsso deleterio delle basse esigenze. Le braccia dolgono per gli abbracci mancati. Le labbra tremano per i baci leggeri a cui si sono sempre sottratte. Le spalle si piegano per ogni volta che hanno comunicato indifferenza. La gola si strazia come in mancanza di acqua da ore, brucia per ogni maledetta parola lasciata sfuggire attraverso i timpani e mai pronunciata. La testa non trova riposo e sente il peso di un secolo che prende ruvida forma di roccia ed esplode per ogni volta che non ha ceduto alla necessità di trovare ristoro accanto al tuo collo.