sabato 25 giugno 2011

Morte di un complesso viaggiatore.


Chiusa qui dentro, è una lunga gestazione di parole roventi, animate dall’atavica cattiveria della sopravvivenza.
Nulla resta davvero per sempre sul fondo ed affiora, rinasce, risale la corrente.